giovedì 24 gennaio 2013

Tagliolini al ripieno di seppia

...ovvero: come ti riciclo la cena del giorno prima.

Non so voi, ma spero la pensiate come me, io odio gli sprechi. Siano essi di cibo, risorse naturali, energetiche, soldi, talento..
Sin da piccola sono stata educata al rispetto dell'ambiente e a casa mia si faceva la raccolta differenziata già negli anni '80. 
Non abbiamo mai buttato il cibo, certo a meno che fosse evidentemente andato a male, ma le date di scadenza non erano un limite a priore (non esisteva "oddio è scaduto, lo butto!" piuttosto il " umm aspetta, assaggia, magari è ancora buono!").

Ultimamente sento in tv che gli italiani stanno imaparando a riciclare il cibo e gli avanzi; che, vista sta dannata crisi, si è diventati più attenti ai consumi e al portafogli. Bhe certo, meno male, ma io mi domando perchè prima non fosse così. Perchè si deve buttare quello che è avanzato? Perchè non si può congelare e ritirare fuori quella sera che hai fatto tardi e il frigo è vuoto? Cosa c'è di tremendo nel riscaldare un piatto di pasta? Non sarà buono come farlo fresco, ma io trovo più disgustoso doverlo buttare.
Avete mai pensato all'acqua, energia, soldi, inquinamento dietro quel semplice piatto di pasta?

Ieri sera ho fatto una bella seppia in padella. Il ripieno alla fine è risultato davvero troppo per essere contenuto nella pancia della seppia, ne è avanzato praticamente la metà. Così l'ho messo in frigo pensando a come l'avrei potuto riutilizzare.

La notte ha portato consiglio e così oggi mi son fatta un mega piatto di pasta e ripieno!

Questi gli ingredienti del ripieno della seppia:

1 pomodoro e mezzo essiccato
1 cucchiaio di olive taggiasche sottolio
4-5 alici sottolio
1 cucchiaio raso di capperi sottosale
1 spicchio d'aglio
pepe q.b.
pangrattato q.b.
olio q.b
tentacoli e testa della seppia

Ho tritato a coltello il tutto, vi ho unito il pangrattato e un po' d'olio perchè risultava asciutto e slegato.

La seppia andava poi cotta in un fondo di cipolla rosolata, sfumata con vino bianco e brodo vegetale. 
Un po' di quel bel sughetto era avanzato nella pentola di ieri, così ho acceso il gas e sopra il sughetto ho rovesciato il ripieno, l'ho fatto cuocere velocemente visto che i pezzetti di seppia erano piccoli, praticamente nel tempo in cui la pasta all'uovo si cuoceva.

Ho versato la pasta, senza scolarla troppo, direttamente sul sugo, girato bene e impiattato con un paio di giri di olio a crudo.

Buonappetito e buon riciclo!!


1 commento:

Anna ha detto...

ciao! sono passata dal tuo blog ed ho deciso di seguirlo perchè ricco di tante belle ricette!
Se ti va, passa a trovarmi ;)
ti aspetto qui:
http://ildiariodellamiacucina.blogspot.it/

e qui:
http://letortedianna.blogspot.it/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...